Kalendarium. Psalterium liturgicum. Litaniae, orationes. Hymnarium. Breviarium
Lingua
latino
Tipo documento
Manoscritto
Titolo
Kalendarium. Psalterium liturgicum. Litaniae, orationes. Hymnarium. Breviarium
Possessori e provenienza
Monastero di Santa Chiara O.S.C.
Data
1451-1475
Descrizione fisica
I, 520 carte : Membr. ; mm 315 x 230 (c. 27r)
Note generali
Nr. 3: inni ai Notturni, Lodi e Vespri per occasioni del tempo e dei santi: Adventus - Pentecostes; s. Iohannes Baptista - Omnes sancti. Bianchle cc. 75v-78v, 280v-282v, 476r-478v, 518v-520, cc. 1r-6v Kalendarium, 1. cc. 7ra-67vb Psalterium liturgicum (cum invitatoriis, antiphonis, hymnis, versiculis, responsoriis, canticis). Titolo attestato: Incipit psalterium ordinatum, 2. cc. 68ra-70ra Litaniae, orationes, 3. cc. 70ra-75rb Hymnarium, 4. Breviarium. Titolo attestato: Incipit ordo breviarium fratrum minorum secundum consuetudinem Romane Curie, cc. 79ra-277rb Proprium de tempore (I sabbatus Adventus - Dominica IV mensis novembris), Rubricae generales, cc. 283ra-475vb Proprium sanctorum (Vigilia s. Andreae - s. Catharina), cc. 479ra-503vb Commune sanctorum, cc. 503vb-508ra Officium Beatae Mariae Virginis, cc. 508ra-508va Ordo ad comunicandum infirmum, cc. 508va-509vb Ordo ad unguendum infirmum, cc. 509vb-516vb Ordo commendationis animae, cc. 516vb-518rb Ordo ad benedicendum mensam
Note di provenienza
La presenza nel calendario al 20 maggio di s. Bernardino (canonizzato nel 1450) e l'assenza al 30 aprile di Santa Caterina (canonizzata nel 1460) collocherebbero cronologicamente il codice, sotto il sia grafico che decorativo, entro queste due date. Argenziano (cfr. Argenziano, Iconografia, passim) sulla base dello stile dei nielli che decorano la coperta, ipotizza invece l'esecuzione del codice intorno al 1460, realizzato per le Clarisse del Monastero di S. Chiara (già Abbadia dei SS. Filippo e Iacopo) su commissione di un membro della famiglia Petroni (probabilmente Ludovico, diplomatico e umanista senese, 1409-1478) e di un membro, non identificato, della famiglia Castellani. A c. IV nota ms. del bibliotecario L. De Angelis: "Spectabat ad moniales Clarissas Monasterii SS. Philippi et Iacobi civitatis Senarum. Ad Bibliothecam publicam eiusdem civitatis translatum est die decima iunii 1811. Aloysio De Angelis bibliothecario"; a c. 7r sul marg. inf. stemmi della famiglia Castellani (d'azzurro al leone d'oro linguato di rosso con la banda d'argento attraversante caricata di tre palle rosse) e del cardinale Riccardo Petroni (m. 1314) fondatore del Monastero di Santa Chiara di Siena (d'oro al palo d'azzurro caricato di tre stelle d'oro a cinque punte, il tutto sormontato dal cappello cardinalizio)
Note all'esemplare
Fascicolazione: 1(6); 2-7(10); 8(12); 9-28(10); 29(4); 30-48(10); 49(6); 50-52(10); 53(12) Inizio fascicolo lato carne Richiami orizzontali Impaginazione: 35 [195] 85 x 25 [65 (15) 65] 60 - rr. 34/ll. 33 (c. 27r) Rigatura: a inchiostro Scrittura: littera textualis Decorazione: Pagine illustrate (cc. 1r-6v, 7r, 8r, 79r, 100r, 120v, 148r, 394v, 435r); iniziali istoriate (c. 26r, 31r, 36r, 42v, 48r, 57v, 59r, 104r, 106r, 108v, 116r, 129v, 131v, 153v, 199v, 200v, 219r, 223r, 225r, 230v, 233v, 241v, 283v, 302v, 306v, 318v, 323v, 325r, 327r, 337v, 362r, 385r, 390r, 394r fregio, 395r, 401v, 427r, 435v, 458v, 479r); iniziali figurate; iniziali decorate su fondo oro con fregi a fiorami nei margini; iniziali filigranate; rubricato - Nei fregi sui margini inf. alle cc. 1r-6v, contenenti il calendario, sono rappresentate scene relative ai lavoratori di ogni mese. A c. 394r è rappresentato l'episodio di s. Francesco che consegna le vesti monacali a s. Chiara. L'apparato illustrativo è in gran parte assegnato a Sano di Pietro (cfr. bibl.) Legatura moderna di velluto rosso su assi; sui piatti rosoni d'argento e cinque nielli; sul piatto ant. nel rosone centrale è incisa l'immagine di s. Francesco e sui cantonali s. Pietro, s. Paolo, s. Giovanni Battista e s. Bernardino; sul piatto post. al centro s. Chiara e agli angoli l'Angelo nunziante, Maria, s. Ludovico e s. Antonio (in basso a sinistra e a destra); bindelle in velluto rosso terminanti con fermagli contenenti smalti con figure di santi e i due stemmi Petroni e Castellani Numerazione recente a matita; cc. 476-478 bianche.
Bibliografia
Ilari, Indice ; V, 68 ; Gaillard, Sano di Pietro ; 138-144 ; Berenson, Pitture italiane ; 433 ; Garosi, Calendario ; 1953 ; 13-15 ; Mostra storica miniatura ; 1953 ; 249-250 n. 389 ; Salmi, Miniatura italiana ; 1956 ; 21 ; Diringer, Illuminated Book ; 1958 ; passim ; Van Os, Schnee in Siena ; 30 ; Italian pictures ; 1968 ; 381 ; Rotili, Miniatura gotica ; 1968 ; II, 23 ; Miniature italienne ; 1969 ; nr. 435 ; Mesi di Folgore ; 1969 ; 7-10 ; Rotili - Putaturo Murano, Introduzione ; 1970 ; 97 ; Inventario della Biblioteca di Siena/I ; 23-30 ; Gotico a Siena ; 403-406 ; Codici liturgici miniati ; 1982 ; 477 ; Art gothique Siennois ; 348-350 ; Ciardi, Osservanza ; 136 ; Van Os, Studies ; 1992 ; 98 ; D'Accone, Civic Muse ; 1997 ; 99 ; Chelazzi Dini, Quattrocento ; 234 ; Settis-Toracca, Libreria Piccolomini ; 1998 ; 326, 387 ; Boskovits, Dipinti italiani ; 2000 ; 106 ; DBMI ; 926 ; Corsi, Rappresentazione del rito ; 353, 363, 369 e fig. ; Turrini, Ludovico Petroni ; 52 ; Alidori Battaglia, Principio della vita pubblica ; 267, 270, 290 ; Argenziano, Iconografia ; passim ; Biblioteca Comunale degli Intronati ; 32-33
Collocazione
X.IV.2
Livello del manoscritto
descrizione esterna